Un arrivederci sulle note di Morricone

di Natalia Encolpio​

Un sorriso e la soddisfazione per un evento straordinario appena concluso. Così ricordo Carlo Orichuia nella chiesa del Gesù dopo l’esecuzione della Messa per Papa Francesco. Felice per quel traguardo raggiunto e con in cantiere nuove avventure e nuovi approdi. Doveva tornare in Cina per la Rai, mi aveva annunciato soddisfatto, per un progetto importante. Era contento, entusiasta e sempre pronto alle sfide. Ho conosciuto Carlo Orichuia come ex alunno ma anche come capo struttura della Rai. È stato infatti docente del Laboratorio di Comunicazione Sociale di Roma che ha formato giornalisti, autori e registi radiofonici e televisivi. E anche lì manca il sorriso di Carlo, la sua curiosità, la gentilezza e l’ironia nello spiegare, insegnare, raccontare…. Al progetto di Morricone si era appassionato. E ci siamo visti nello studio di Padre Libanori, al Gesù, per gli ultimi dettagli. Era felice per quell’evento importante per i Gesuiti, per gli ex alunni, ma anche per la Rai che lo aveva trasmesso su Rai5. Ci mancherà la sua esperienza, la sua passione, la sua competenza e la voglia di non mollare mai e di andare avanti con amore e coraggio… e ti ricorderò sempre con quel sorriso… felice di averti incontrato.

Sito web realizzato da:

Musa Studio | Web e Comunicazione